Accadrà domani

Foggia: l'allarme di Legambiente e ARCI Foggia

“È ripreso l’assalto delle ecomafie al territorio della Capitanata, dopo gli incendi di grano di giugno e luglio sono ripresi gli sversamenti di rifiuti nelle campagne e sulle strade minori di accesso alla città, che risultano coperte da ogni genere di rifiuto pericoloso ed edile, con lastre di amianto e gomme usate di auto. Le ecomafie hanno ripreso alcune vecchie operazioni con numerosi sversamenti illeciti nelle campagne”.

Lo scrivono in una nota ARCI Foggia “Maria Schinaia” e Legambiente Circolo “Gaia” che lanciano anche un appello.

“Si chiede che le istituzioni locali – scrivono - si adoperino quanto prima e soprattutto con efficacia affinché in queste aree venga ripristinata la salubrità e la bellezza di un tempo. Non è minimamente accettabile che le campagne famose per la fertilità dei terreni e per le produzioni agricole di ottima qualità, vengano oggi trasformate in discariche abusive a cielo aperto nell’indifferenza e nel silenzio generale. Il nostro patrimonio ambientale e la nostra salute sono le cose più preziose che abbiamo, eppure sono in grave pericolo, per questo vanno difese e tutelate con ogni mezzo a nostra disposizione da criminali e speculatori di ogni sorta”.

Per ulteriori informazioni:
Legambiente Foggia - Circolo "Gaia"
Via della Repubblica, 54 - 71121 Foggia
tel. e fax: 0881.770387
e-mail: info@legambientegaia.org


Stampa   Email

NEWSLETTER CSV FOGGIA


Per non perdere eventi interessanti, iscriviti alla nostra newsletter. Inserisci il tuo indirizzo e-mail, il codice di verifica e conferma la tua iscrizione!

captcha 

Contatti

Indirizzo:
via Luigi Rovelli, 48 - 71122 Foggia

Telefono e fax: 0881.747103
E-mail: info@csvfoggia.it
PEC: csv.foggia@pec.it


Publish modules to the "offcanvas" position.

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per aiutarci migliorare il nostro sito. Per maggiori dettagli consulta la cookie policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies in caso contrario è possibile abbandonare il sito.